Sinergie per L’orto

Area Pini

E’ un immagine tratta da questo video trovato in un profilo Facebook che ha come descrizione

Seminatori di urbanità: diamo rifugio a volpi e galline Il parco del Paolo Pini con le sue ricchezze umane e culturali, un enorme laboratorio di inclusione sociale aperto a tutti i cittadini è a rischio di chiusura. Il nuovo PGT (Piano di Governo del Territorio) ha approvato l’edificazione nel Comparto Litta Modignani, all’interno dell’area che attraversa parte del parco dell’ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini fino alla via Bovisasca. Un programma di edificazione voluto dalla Provincia di Milano che non tiene in conto alcuno delle realtà operanti: orti comunitari, area sperimentale dell’Istituto Pareto, aree di biodiversità e bellezza. Con il progetto “Comparto Litta Modignani” si andrebbero a cancellare più di un migliaio di alberi di alto fusto, più di 300 alberi da frutta (di cui 150 di varietà antiche provenienti da tutta la penisola), piante spontanee, varietà orticole, animali selvatici e insetti utili alla biodiversità, ma soprattutto verrebbe minato un sistema riconosciuto e condiviso di progettualità partecipata voluto e sostenuto dai cittadini. Un programma di edificazione che andrà a cancellare anni di intelligente lavoro sul territorio, unico per le sue caratteristiche e prospettive. Noi realtà istituzionali e associative coinvolte, sostenute dal Consiglio di Zona9 – L’Istituto di Istruzione Superiore “Vilfredo Federico Pareto”, l’associazione Il Giardino Degli Aromi Onlus, la cooperativa sociale Aromi a Tutto Campo, l’associazione Olinda Onlus e la cooperativa sociale La Fabbrica di Olinda Onlus – chiediamo una variante del PGT perché venga revocata la procedura edificatoria su tutto l’ambito territoriale oggi perimetrato con l’Accordo di Programma, perché contrario ai principi base del nuovo PGT, ma soprattutto per salvare gli orti comunitari, l’area didattica dell’Istituto Pareto e per far sì che ettari di area boschiva diventino un luogo partecipato e gestito dai cittadini, aperto a tutti, fruibile come unica area verde dal Paolo Pini alla via Bovisasca. La vostra firma è importante per sostenere questo obiettivo e chiedere: · al Comune di Milano la variante al PGT, · alla Provincia di Milano stop al piano di cementificazione, · alle istituzioni (Regione, Provincia, Comune, ASL Milano) attenzione e dialogo su tutta l’area del Paolo Pini intesa come laboratorio di cultura e di inclusione sociale aperto a tutti i cittadini.

Il caso di Affori è noto da tempo e abbiamo già partecipato ad attività concrete di supporto. Il punto è sempre lo stesso. L’immagine ricorda le nostre mappe ma non è nelle nostre mappe. Ci siamo arrivati casualmente visto che stiamo cercando di raccogliere le idee su come costruire un nuovo Orto a Milano. Ma ha senso costruirne uno nuovo non partecipando alla lotta per mantenere le esperienze che già ci sono? Ma tutto costa una gran fatica e finché saremo divisi in mille rivoli non andremo mai da nessuna parte. Spero che le connessioni create da questo post possano partecipare a stimolare quelle Sinergie che impediscano a Milano di distruggere Cascina Zerbone, il parco di Affori e permettano la costruzione di nuovi orti. A proposito l’orto che vuole costruire Sinergie Per l’Orto è a fronte di un bando comunale: si quello stesso comune che vuole costruire su Cascina Zerbone e che è nella Provincia che vuole distruggere quanto di bello esiste ad Affori. Ha senso tutto questo?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...